RAPPRESENTAZIONE DELL’AUTOCOSCIENZA (CHI SONO IO)



Quel cerchietto centrale [RESISTENZA ELETTROMAGNETICA] è ciò che sei tu.

Questa resistenza è una particolare “CONFIGURAZIONE ENERGETICA”: questa configurazione di energia consente all’energia stessa (o alla Mente Universale) di sperimentare se stessa in piccole parti, in oggetti, in esperienze, in sogni, in individui “dissociati”. Queste ENTITA’ apparentemente DISSOCIATE sono le infinite manifestazioni che percepisci ogni giorno. In poche parole tu sei una di queste multi-personalità che si sentono dissociate da Dio (da se stesse, dall’Esistenza stessa).

In pratica esisti e contemporaneamente non esisti.

La spiritualità è una via per dissolvere questa resistenza elettromagnetica. Ma non è l’unica, anche la scienza può condurre allo stesso risultato. In tal senso la vera spiritualità e scienza coincidono.

Ciò che chiami morte è l’assenza di resistenza: i contorni del tuo personaggio, prima spessi e ben definiti (tangibili e terribilmente “reali”), diventano dei tratti via via più sottili, fino a fondersi con l’oceano di energia indifferenziata.  Fino a ritornare dove ti sei sempre trovato.

Le pratiche spirituali aiutano ad accelerare la presa di coscienza di questo processo naturale ed inevitabile. Sono un mezzo per sperimentare una piccola morte in vita, un modo per anticipare qualcosa che comunque avverà spontaneamente.

Il pensiero (il giudizio) è un parametro che intensifica questa resistenza, per questo motivo molti insegnamenti suggeriscono di ridurre al minimo questa attività intellettuale.

L’Advaita (non dualità) andrebbe quindi vista in ques’ottica: un canale aperto a qualsiasi espressione di questa non-duale (indifferenziata) energia.

Vedere chiaramente (o perlomeno percepire vagamente) questa resistenza (elettromagnetica) è la chiave di tutto.

In assenza di quella resistenza sparisce ogni concetto: autocoscienza, io sono, distinzione soggetto/oggetto. Tutto svanisce e rimane solamente l’ignoto, l’insondabile, l’irriducibile, l’innominabile… ciò che in un certo senso tu sei realmente.

Annunci

IL MIO FORUM


Menti libere,

ho appena aperto un forum dove potete liberamente interagire, condividere, chiedere quel che vi pare [in ambito di crescita interiore, auto-aiuto, ricerca spirituale e compagnia bella…]

link —>   mente-libera.forumfree.it

COME PUOI FIDARTI ANCORA DI TE STESSA?


Quante volte ti avranno ingannato i tuoi giudizi? E quante volte avrai mutato parere con la vergogna di aver creduto a te stessa?
Se un uomo ti avesse ingannata due o tre volte, non ti fideresti di lui; e allora perché ti fidi del tuo giudizio che ti ha tante volte ingannata?
Non gli credere più, anima benedetta.

NON CREDERE AL DEMONE DELLA DIALETTICA.

Sottomettiti con verace abbandono e segui con obbedienza i principi del Sommo Bene che mai t’ingannò.

– Miguel Molinos

IL METODO DELLA CONSAPEVOLEZZA – RIASSUNTO


Riassunto del libro “IL MEZZO PIÙ RAPIDO E DIRETTO PER L’ETERNA BEATITUDINE”

La consapevolezza che fa attenzione solo a se stessa.

Rimane indifferente alle tragicomiche vicende dell’ego

L’ego teme come la morte la “Consapevolezza”.

Inventa strategie di ogni tipo per impedirti di prestare attenzione alla tua consapevolezza. Accamperà sempre scuse nuove (la pratica è una perdita di tempo, non ci guadagni niente, vai a fare qualcosa di più utile, questo non è necessario). Invece l’unica cosa necessaria è non dare retta a queste persuasioni e dare PRIORITA’ alla consapevolezza, ovvero darle importanza, fare in modo che essa sia la prima attività che svolgi, quella principale sotto cui tutte le altre vengono subordinate. Rimanere continuamente consapevole è il vero LAVORO a cui ogni essere umano è chiamato affinché possa realizzarsi. Non ci sono altre soluzioni, non esistono scorciatoie: la consapevolezza è l’unica Via. Puoi chiamarla in modi diversi ma essa rimane l’essenza di ogni insegnamento, tutti puntano a lei.

EGO:

Pensare è lo strumento dell’ego.

Tu esistevi come sfondo della consapevolezza prima ancora che nascesse il pensiero “io”.

Sai che i pensieri non sono parte della tua vera natura perché hai dovuto impararli… acquisito =
non è naturale

[Puoi vivere SENZA pensieri, anzi, vivi meglio]
[pregiudizio comune = se non penso non ho il controllo quindi qualcosa andrà storto, mi farò del male]

Il pensiero è qualcosa di estraneo, di alieno al tuo vero Sé… crede di essere una vera entità

Il pensiero “io” simula di essere il tuo sé.

Quando uno tenta di cancellare il virus, il virus emette molte strategie per preservare l’illusione che lui è reale e per continuare la falsa percezione

I problemi interiori non possono essere risolti guardando all’esterno.

L’ego sa che se l’attenzione viene rivolta verso l’interno, si scoprirà che lui è un mito, un impostore.

a causa della paura dell’ego di estinguersi, l’ego mantiene l’attenzione diretta verso l’esterno.

Porre fine alla vita del corpo non estingue l’ego. .. creerà il sogno di un nuovo corpo quando il vecchio corpo morirà.

l’ego creerà argomentazioni contro qualsiasi pratica.

Poiché è l’ego a stabilire gli standard del dibattito, l’ego vince sempre il dibattito

Fin dall’inizio, le strategie di conservazione dell’ego devono essere affrontate

Sprecare tempo oppure scegliere un credo, invece che l’Esperienza Diretta è uno dei trucchi dell’ego.

il desiderio per la liberazione stesso ti porterà ogni cosa di cui hai bisogno, è la soluzione a tutti gli ostacoli.

[NEW NEURAL DRIVE = DIRETTORE del sistema cognitivo = spinta coercitiva, forza irresistibile che traina verso ciò che desideri (o il desiderio che impelle nel sistema cibernetico)]

Il desiderio estremamente intenso per l’Esperienza Diretta della Verità  ti guiderà

prima del risveglio del desiderio l’ego stava selezionando insegnamenti spirituali o attività che l’avrebbero aiutato a preservarsi.

Sorprendi il tuo ego mentre usa strategie di conservazione.

Cosa accadrebbe se il tuo desiderio per la liberazione fosse il doppio del suo livello attuale?

Cosa accadrebbe se il tuo attuale desiderio per la liberazione diventasse un  milione di volte più intenso di com’è ora?

Allora non ci sarebbe tempo per tutti questi giochi, distorsioni e distrazioni…  il solo mezzo che accetteresti sarebbe il mezzo più diretto.

Saresti proprio come quell’uomo che, trattenuto sotto l’acqua, cerca di  risalire in superficie per respirare: Non ha tempo per le discussioni, i giochi, i falsi insegnanti, per metodi che non siano i più rapid. Non ha tempo per proiettare significati immaginari.

La brama per la liberazione dev’essere pari alla brama per l’aria di chi,  trattenuto sottacqua, vuole salire in superficie per respirare.  Dopo due minuti sott’acqua il suo desiderio di ossigeno, e perciò il desiderio di  salire in superficie, è dieci volte più grande.

Quando ogni giorno rinuncerai a tutte le attività non necessarie e userai tutto il  tempo libero recuperato per praticare veramente ogni giorno allora saprai che il desiderio  estremamente intenso per la liberazione si è risvegliato in te

“fare veramente la Scelta A” = È una esigenza di Verità, di Bontà… È una esigenza assoluta per la cessazione definitiva di tutte le false opinioni di ogni crudele impostore. Come un grido silenzioso che dice MAI PIÙ così forte da frantumare i timpani dell’ego. E’ un NO! inamovibile a milioni di menzogne.

L’incubo che l’ego ha creato non è più tollerato.

È una esigenza per l’Esperienza Diretta del vero Sé.

E’ un’esigenza di sanità mentale: il sogno umano è follia!

È come una presa che afferra la Verità cosi vigorosamente che nessun potere può indebolirla.

E’ uno sguardo irremovibile, penetrante, non attratto da distrazioni: sostieni questo sguardo per molte ore ogni giorno,  alla fine il sogno dell’ego terminerà e si conoscerà il vero Sé.

… ogni momento della tua vita sia dedicato alla tua liberazione.
Il Desiderio esigerà che tu non spreca nemmeno un momento, che tu ferma ogni bugia dell’ego, e che abbandona ciò che non è essenziale. Sarà lo stesso desiderio a portarti la conoscenza di cosa è essenziale.

 

PRATICA

I risultati sono immediati poiché tu sei la consapevolezza che sta dimorando (in te stessa) come consapevolezza!

Non c’è nessuna attesa!

Non esistono segni e stadi uguali per tutti.

Non aspettarti nessuna esperienza spirituale straordinaria che convalidi il successo della tua pratica: gli effetti speciali sono un trabocchetto dell’ego. Riamani indifferente agli effetti speciali o illusioni percettive.

Un aspirante può avere una mente molto agitata due istanti prima che l’ego si  dissolva, poi un momento di silenzio e quindi l’ego si dissolve completamente.

Un altro aspirante può sperimentare un lungo periodo si silenzio prima che
l’ego si dissolva completamente.

La nozione di segni di progresso verso il risveglio non è valida e non è utile… possono avvenire un migliaio di esperienze diverse. Prestare attenzione a eventuali segni di progresso durante gli anni di
pratica non è rilevante. Leggi il seguito di questo post »

IL MEZZO PIÙ RAPIDO E DIRETTO PER L’ETERNA BEATITUDINE – CONTENUTI EXTRA


CHIUDI GLI OCCHI E SEGUI LA MEDITAZIONE

ESPERIENZE
• IL VIAGGIO
• LA META FINALE

1. Molti maestri spirituali hanno mappe e liste con stadi e segni di progresso
spirituale.
2. Tutte queste mappe e liste sono false.
3. Non esistono segni e stadi uguali per tutti.
4. Un aspirante può avere una mente molto agitata due istanti prima che l’ego si
dissolva, poi un momento di silenzio e quindi l’ego si dissolve completamente.
5. Un altro aspirante può sperimentare un lungo periodo si silenzio prima che
l’ego si dissolva completamente.
6. Un modo per comprendere ciò è con l’esempio del sogno o del sonno.
7. Quali sono i segni che ti indicano che ti stai per svegliare da un sogno o dal
sonno?
8. Questi segni ci possono essere ma sono differenti non solo da persona a
persona, ma anche da sogno a sogno. Mentre stai diventando consapevole di
un sogno, l’istante successivo sei già sveglio. In alternativa, stai
semplicemente sognando.
9. O stai sognando o non stai sognando. O stai dormendo o sei sveglio.
10. La nozione di segni di progresso verso il risveglio non è valida e non è utile
all’aspirante.
11. Durante gli anni della tua pratica spirituale possono avvenire un migliaio di
esperienze diverse.
12. Qualsiasi segno ci possa essere riguardo al fatto che l’ego si sta estinguendo,
lo puoi sapere soltanto un momento prima dell’estinzione dell’ego.
13. Perciò prestare attenzione a eventuali segni di progresso durante gli anni di
pratica non è utile né valido.
14. Il progresso spirituale può risultare impercettibile al praticante.
15. Uno stato di turbolenza può essere un segno di progresso se sei nella fase di
combattere una battaglia con l’ego.
16. Uno stato pacifico può essere un segno di progresso.
17. L’approccio più utile all’aspirante è quello di non prestare attenzione ai segni di
progresso.

18. Se viene data una lista di presunti segni di progresso, quelli che non
sperimentano quei segni saranno scoraggiati. Tale lista sarebbe falsa. Il sogno
umano è un’illusione. Cercare segni di progresso in un’illusione è un errore.
19. Quasi tutte le esperienze che avvengono durante la pratica spirituale sono
illusioni, quindi guardare a delle illusioni per cercarvi segni di progresso verso
il risveglio è folle. Ciò vale indipendentemente dal fatto che quelle illusioni
siano di beatitudine o di tristezza.
20. Quando non si dà una lista di segni di progresso, a cosa l’aspirante deve fare
ricorso? Cos’è che diede all’aspirante la fiducia che il metodo che sta
praticando è il più rapido e diretto mezzo all’eterna beatitudine?
21. Nel caso del Metodo della Consapevolezza che Osserva la Consapevolezza è il
fatto che la propria attenzione è concentrata esclusivamente sullo sfondo della
consapevolezza, la qualcosa rende questa pratica il mezzo più diretto e rapido.
In altre parole, in tuo vero Sé è Consapevolezza. Il mezzo più rapido e diretto
per percepire direttamente la tua consapevolezza è la tua consapevolezza.
Questo è ciò che rende questo metodo la pratica più diretta senza distrazioni
né deviazioni.
22. Il tuo primo anno di pratica potrebbe presentarsi per lo più turbolento e il tuo
secondo anno di pratica potrebbe essere per lo più pacifico e beato.
23. Oppure il tuo primo anno di pratica potrebbe presentarsi per lo più pacifico e
beato e il tuo secondo anno di pratica potrebbe essere per lo più turbolento.
24. A un certo punto l’ego cerca di interrompere la pratica e il progresso della
maggior parte dei praticanti. L’ego può far ciò quasi in ogni momento, anche
dopo che si è praticato per anni. Questa è una delle ragioni per cui metà di
questo libro è stato dedicato a presentare l’ego, i suoi trucchi e come ridurre e
finalmente porre fine a questi trucchi.
25. Alcune persone tendono a non dare molta attenzione alla prima parte del libro
(dal Capitolo 1 al Capitolo 5) e vanno direttamente alla pratica della
Consapevolezza che Osserva la Consapevolezza. Va bene, ma quando l’ego
interrompe la pratica o la rende penosa, allora è tempo di andare all’inizio del
libro e leggere dal Capitolo 1 al Capitolo 5, con enfasi sul Capitolo 5

ESPERIENZE

26. Ci sono trilioni di possibilità riguardo a ciò che potresti sperimentare mentre
sei impegnato nella pratica spirituale. Leggi il seguito di questo post »

EGO SPIRITUALE – 3° Parte


due intuizioni avute stamattina

1- nel corpo fisico in cui risiede la tua coscienza parziale si ripetono quotidianamente dei cicli di obnubilamento (le ricadute nel piccolo ego). Questi cicli sono processi automatici della macchina biologica umana (avvengono in tutti noi).
Non sei tu a ricadere in questi cicli, questi cicli si ripetono da soli, nell’ambiente cicorstantee trascinano ogni cosa mediante un meccanismo coercitivo.
E’ come se ogni 10 minuti il cervello umano cadesse in una sorta di trance ipnotica e dimenticasse letteralmente la propria identità reale. Ieri l’ho sperimentato almeno 3 volte, ho visto come i sensi e la coscienza fossero stati alterati da una serie di stimoli esterni. Ciò che devi capire è che il corpo/mente viene sensorialmente drogato da processi sottili, astrali… Il mondo emana questa droga e questa droga fa si che tu e l’umanità intera creda alle allucinazioni visive-auditive-tattili-mnemoniche… Alla luce di ciò hai poche scelte: identificarti con i trip generati dalla tua mente e goderti il viaggio psichedelico della coscienza oppure accorgerti che l’aria che respiri, le sensazioni che provi, l’acqua che bevi sono una sostanza allucinogena il cui fine è anestetizzarti e trattenerti nel paese delle meraviglie.

2- se in te accendi un Fuoco interiore esso brucerà tutti i semi karmici e dissolverà pure la droga (desiderio incolmabile + ignoranza) iniettata nel tuo corpo.
Le fiamme che hai coltivato con la vera pratica ti rendono invulnerabile, il contatto con esse dissolve ogni traccia lasciata dal piccolo ego.
… Fuoco = desiderio fortissimo o sete insestinguibile per la Verità, Liberazione, Pace… devi sentire un bisogno viscerale di incontrare Dio!

Accendi quel fuoco, pratica per mesi e mesi, anni e anni. La liberazione vale più di qualsiasi altra esperienza mondana.
Buon allenamento!

LA VITA E’ UN GIOCO A SOMMA ZERO


screen-capture-1

 

link utile: https://obiettivi.wordpress.com/2017/07/23/liberazione-scatenata-httpwww-liberationunleashed-com/

  1. INIZIO = Si intende qualsiasi genere di iniziativa, da quella biologica (parto), a quella socio-culturale (formazione di gruppi umanitari, manifestazioni per i diritti etc.), a quella politico-economica (equa distribuzione dei beni materiali), a quella spirituale (perseguimento di ideali, realizzazione di scopi superiori)
  2. SOMMATORIA = L’insieme di tutte le azioni che sono state intraprese da un individuo oppure da un gruppo di persone.
  3. ESITO = Per quanto l’individuo o il gruppo sia stato volenteroso, il risultato finale rimarrà sempre invariato. ZERO!
    • Qualunque azione (da quella più insignificanti all’impresa più eroica) ha un valore pari a ZERO
    • Per conoscere il valore di ciascuna azione è sufficiente osservare il risultato finale.
      Qualcuno potrebbe sentirsi moralmente ferito e giustificarsi appellandosi al mitologico concetto di karma, affermando che alcune azioni hanno valore positivo mentre altre hanno valore negativo e quindi alla fine portano ad annullarsi a vicenda. Purtroppo questo ragionamento non è corretto. Infatti basta fare una semplice ipotesi: se le uniche azioni che hai compiuto da quando sei nato sono di segno positivo il risultato finale dovrebbe essere altrettanto positivo… ma purtroppo nella realtà il risultato non cambia, sarà sempre ZERO.
      Tutte le variabili non hanno nessun valore, oppure si può dire che tutte le esperienze sono neutre.
      In altre parole ciò che hai costruito – prima o poi-  si disgregherà, il tuo corpo si decomporrà, tutti si dimenticheranno di te – volenti o nolenti faranno la tua stessa fine, l’oblio – le tue scoperte diverranno obsolete nel giro di qualche anno – non appena qualcun altro inventerà un modello più attraente per il resto dell’umanità.
      In sostanza è soltanto l’illusione di poter costruire qualcosa di permanente che spinge molti volenterosi a struggersi per anni nella speranza di lasciare un’impronta indelebile: purtroppo tutte le impronte scompaiono come neve al sole. Ti basta riflettere su cosa accadrà tra qualche decennio (o centinaio di anni) per comprendere che in fondo niente ha una vera e propria consistenza, stabilità, solidità. E’ tutto destinato a crollare, l’unica differenza è che alcune variabili danno l’impressione di essere più resistenti e meno vulnerabili, ma la verità è che tutto e tutti è estremamente vulnerabile, fragile, evanescente.
    • Se ti dicessi che il materiale con cui costruisci una casa è un materiale che crolla nel giro di due secondi dubito che ti metteresti davvero a costruire quella casa: sarebbe un’azione inutile, soltanto una perdita di tempo. Ora sposta la similitudine ad un piano esistenziale. Immagina che il materiale con cui costruisci la tua vita è lo stesso materiale di quella casa, un materiale inconsistente che crollerà nel giro di due secondi: tutti i tuoi progetti subiranno un crollo dopo pochi secondi, le tue relazioni verranno stroncate in men che non si dica, i tuoi sogni verranno infranti in brevissimo tempo. Dubito che investiresti il tuo tempo e ti metteresti davvero di impegno nell’utilizzare questo materiale inconsistente. Ebbene questo è il materiale di cui pè composto questo mondo e l’universo intero.
  • E’ tutto della stessa sostanza dei sogni…
    Da ciò si deduce che anche la distinzione tra azione positiva e negativa è un’invenzione della mente umana, un concetto puramente arbitrario. Niente è assolutamente giusto o sbagliato, buono o cattivo.
    Questo implica che i tuoi successi hanno lo stesso valore dei tuoi insuccessi, i tuoi atti virtuosi sono alla stessa stregua di quelli viziosi, i tuoi sforzi per correggere gli errori equivalgono agli errori stessi. La buona notizia è che non puoi mai peccare (commettere un atto dal valore negativo) e non hai alcun bisogno di rimediare con rituali positivi a qualche presunta colpa.
    Questo è anche ciò che si intende con il detto “il tempo pareggia tutti i conti”.
  • Un’implicazione importante è che l’inizio coincide con la fine, con lo ZERO
    • Niente è mai accaduto!
      Non c’è mai stata alcuna nascita… la ruota del samsara (nascita-sofferenza-morte) è soltanto un incubo partorito da una sadica mente duale.
      Affinché ci sia una nascita ci dovrebbe essere almeno un addendo, ma dal momento che tutte le variabili hanno valore nullo non può mai esserci stato un evento come l’inizio storico, il famoso big bang non è mai avvenuto per cui è inutile cercare l’origine di qualcosa di irreale.
    • L’ego stesso è un ente irreale: ciò che tanti considerano come il nemico spirituale numero uno è in verità un misero e impotente spauracchio… un’altro parto della fragile mente umana.
      Questo significa che puoi lasciare le cose così come sono e osservare tranquillamente come tutto cambi soltanto in apparenza, mentre su un piano più profondo rimane inalterato, niente è mai stato perturbato. La quiete che TU SEI è sempre rimasta indisturbata.
      Ma questo vuol anche dire che l’io reale o la realtà dentro e fuori ognuno di noi rimane invariata:
      il tuo io reale non nasce e non muore
      il tuo io reale non ferisce e non è ferita
      il tuo io reale non si dispera per un dolore e non esulta per una gioia
      il tuo io reale è totalmente indifferente alle simulazioni duali generate dalla mente

      In apparenza questo modello può sembrare nichilistico ma se riesci a cogliere davvero la profondità delle ultime implicazioni non puoi far altro che gioire della libertà di cui hai sempre goduto.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: