WRONG WAY?



In quale direzione stai orientando il tuo treno interiore? Verso l’espansione o la restrizione?
L’intento è una forza sottilissima e potentissima, una specie di amuleto magico grazie al quale modifichi a tuo piacimento l”ambiente interiore/esteriore.
La realtà è inerte di fronte ad una coscienza lucida: il mondo è costretto a seguire la direzione della tua intenzione più profonda.

 

Andrea Zurlini presenta UNIVERSI PARALLELI DEL SÉ di Frederick Dodson


 

FAI LUCE SUL PIACERE


screen-capture-1
Di solito l’attenzione illumina un campo ristretto della tua esistenza (che riguarda piccoli malesseri/dolori/difficoltà economiche, etc.), così facendo però è come se tu vedessi solo la parola “dolore, dolore dolore…”  .
Se allargassi la tua visione noteresti che intorno/vicino a “dolore, dolore, dolore…” c’è anche “piacere, piacere, piacere…”
Spesso il “piacere, piacere, piacere…” non lo stai vedendo perché il campo dell’attenzione è troppo ristretto.
La soluzione consiste nell’illuminare una zona più ampia del tuo paesaggio esistenziale.
E’ come avere una tavola imbandita davanti ai tuoi occhi e non vedere soltanto le noccioline (come facevi una volta) ma notare anche l’arrosto e tutte le prelibatezze che ci sono dietro.
Si tratta semplicemente di spostare l’attenzione dalle noccioline e guardare le altre pietanze!

L’attenzione è un fascio luminoso (di coscienza) che tu puoi spostare dove vuoi!
Non è una lampadina fissa ma un faro che può illuminare qualunque angolo del tuo universo: puoi fare luce sulla miserie/dolore oppure sul piacere/abbondanza.
A te la scelta!

FOCUS —–> REALTA’


Se ti concentri sul corpo di dolore lo rendi reale.
Se ti concentri sul corpo di beatitudine lo rendi reale.

A te la scelta!

CRE-D-O quindi CREO


CRE-D-O quindi CREO
quel che crediamo diventa quel che creiamo
occhio a cosa credi perché lo crei
fai attenzione alle parole che pensi, pronunci, scrivi e ascolti… senza che tu te ne accorga stanno plasmando la realtà a te circostante

Doppio Misto Business & Money con Francesca Fiorentini e Emanuela Siani


E DILLO STO BENEDETTO “SI, GRAZIE!!!”


ogni minuti ti dona un miracolo e tu: “no, grazie non ora”
… e invece di un ” il paradiso, Sì! grazie” è un costante “Niente da fare, preferisco l’inferno”.
Basterebbe un cordiale Si… ma tu opti sempre per un secco No!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: