ELOGIO ALL’INSICUREZZA

insicuro = da in [interno] + securo [tranquillo, sicuro] = sicurezza o tranquillità interiore
“se-curus”,  letteralmente è traducibile come:
[se-]=privazione  + [cura]=preoccupazione quindi
“PRIVO DI PREOCCUPAZIONI”… “TRANQUILLO”

… come è facile finire preda di etichette sociali.
Essere insicuri è una grande risorsa!
Eppure appena ti danno dell’insicuro, tu lo vedi come una critica al tuo carattere e quindi ti demoralizzi. In realtà è proprio chi usa impropriamente il termine insicurezza (per evidenziare un difetto altrui) ad essere poco sicuro di sé. L’insicuro (nel suo vero significato) è semplicemente così sicuro di sé da non aver bisogno di sicurezze esterne, sta bene da solo o in compagnia ma non ricerca disperatamente l’attenzione altrui. Questo, in un mondo di esibizionisti a tempo pieno, lo rende un’anomalia tacciabile di mancanza di sicurezza (nel mondo stesso).
In pratica la fiducia o sicurezza in sé è vista dal sistema come un deficit e non come un pregio, ecco allora spiegato l’uso della socializzazione sfrenata e coatta (un mezzo per fomentare e ricercare la popolarità o successo esterno a discapito dell’individualità o successo interiore). E così il linguaggio fuorviante del sistema allarga ogni giorno il suo gregge con nuove pecore pseudo-sicure.

P.s.
la stessa cosa vale per termini come in-deciso, in-certo… etc.
Se ci fai caso lo si dice quando non prendi una decisione immediata, quando non rispondi prontamente (o non rispondi proprio) alle sollecitazioni esterne. In quel caso sei visto male semplicemente perché non reagisci meccanicamente a qualche stimolo/domanda/richiesta.
Ebbene, a mio avviso non devi cambiare affatto: se a loro o al sistema non vai bene peggio per loro, tu rimani saldo nel tuo Sé perché è lì dentro che risiede la tua forza. Se proprio devi mostrarla fallo con chi lo merita autenticamente, cioè in rarissimi casi.
Per il resto lascia pure che ti etichettino come vogliono: la tua attenzione è energia, non darla in pasto agli avvoltoi sociali.

Concludo con un passo da “ Elogio dell’insicurezza” di Lucia Cosmetico:

<< Miss Sicurezza veste in grigio, ha tacchi alti e guarda sempre avanti e indietro, ha mille occhi e non si fida di nessuno. Miss Sicurezza guarda i tg che la allertano su un mondo così pericoloso, Miss Sicurezza vota chi promette sicurezza. Miss Sicurezza è triste, è sola, anche se ha tanti amici su facebook ma pochi o quasi nessuno in carne e ossa, perchè è meglio non fidarsi. >>

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: