BREVE RIASSUNTO DELLA TUA VITA


C’era una volta un io che decise di intraprendere un lungo viaggio, ma a un certo punto -non si sa come o perché- egli si dimentica chi è.
Completamente disorientato all’interno di un universo ricco di infinite variabili, comincia ad andare alla ricerca della propria identità, ritenendo plausibile che il modo migliore per ritrovare se stesso fosse quello di chiederlo agli altri.
Che genio!
Fu così che iniziarono le sue disavventure.
Trascorreva buona parte della sua vita a fermare dei perfetti sconosciuti e porre loro la fatidica domanda: chi sono io?
Gli altri, da bravi sputasentenze, fornivano con incredibile dovizia di dettagli l’identità di questo piccolo io. Peccato che spesso l’opinione dell’uno cozzava con quella dell’altro, quasi come se l’arte dell’ingannarsi a vicenda fosse il loro passatempo preferito.
L’iniziazione avvenne incontrando dei tizi che dicevano all’io che lui era un falegname… Così l’io cominciò a fare le sue prime seghe (mentali).
Insoddisfatto di questa prima identità, si rivolse ad altre persone. Queste gli dicevano che lui era, anzi che lui “doveva essere” un servo di Dio. Il loro slogan era “chi va contro la chiesa va contro Dio”. Ecco che allora l’io indossò i panni del valente cristiano. Diffondere la parola di Dio e difendere la vera religione dallo scetticismo dei miscredenti divenne la sua professione. Questo durò un paio di vite, ma dopo si accorse che c’era qualcosa che non quadrava, che forse lui non era solo un servo, seppur dell’Altissimo. Forse, diceva tra sé e sé, io son qualcosa d’altro.
Tuttavia non c’era verso di trovare qualcuno che fornisse lui una risposta chiara, coerente e soprattutto semplice. Tutti si aggrappavano a immensi specchi, infarcivano l’io di concetti, astrazioni, valori morali, sistemi di credenze estremamente complessi, quasi a voler insabbiare il reale con mille paroloni, paroloni che avevano scarsa attinenza con la realtà. Il seme del dubbio si prolificò in lui. La domanda chiave (chi sono io?) lo assillava sempre più, e più gli altri lo aiutavano – a loro dire- a trovare se stesso e più lui si sentiva smarrito, lontano da se stesso.
Era ancora lontano dal capire che era sbagliato cercare fuori quel che si trovava dentro, ma dato che la maggioranza faceva così gli pareva ragionevole seguire la maggioranza, seppure palesemente incoerente.
Sempre più irritato da quelle risposte, si mise a seguire i passi dei famosi ricercatori della verità, i saggi -almeno in teoria- dovevano saperla più lunga.
Ma quando mai?!?
E infatti si trovò immerso in una sfilza di guide spirituali più sciroccate di lui. Alcune gli diceva che era un arcangelo in incognito caduto in questa dimensione inferiore, altri gli dicevano che era un licantropo proveniente da Sirio e che se avesse ululato sotto la luna piena sarebbe arrivata una navicella spaziale di exaterrestri “evoluti” che lo avrebbe riportato a casa.
Morale della favola, questo io che inizialmente cercava solo se stesso fini per essere tutto e tutti tranne ciò che era realmente.
Caro lettore, se non l’avevi ancora capito: quell’io smemorato sei tu!
Quell’io, la cui identità è stata sadicamente smembrata in mille pezzettini dati in pasto agli avvoltoi, sei proprio tu!
Alla luce di ciò, se hai ancora intenzione di andare avanti così ti meriti di subire tutto quello che stai subendo da millenni!

(Zewale Il Provocatore)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: