ATTACCAMENTO = VENTOSE MENTALI

L’attaccamento proviene dal contatto stretto e prolungato con un oggetto sensoriale che attira la nostra attenzione.
Così come una ventosa aderisce pienamente alla superficie di un oggetto fisico solo e soltanto se la si preme con molta forza, allo stesso modo un pensiero aderisce alla superficie di uno stimolo solamente se ci fissa intensamente su di esso, cioè se la mente si ossessiona con quel determinato stimolo. Va da sé che il rimedio per evitare tale attaccamento è tanto semplice quanto rapido: basterebbe che tra la ventosa (il pensiero) e lo stimolo desiderato ci fosse una breve distanza oppure un contatto molto lieve, sfiorarlo mediante una carezza priva di quella pressione eccessiva con cui solitamente ci incolliamo all’oggetto esterno (o interno) fino a legarci o inchiodarci indissolubilmente,  incapaci di staccarci dalla pressione imposta a noi stessi.

Quando invece la ventosa mentale è meno pesante e fluttua con leggerezza come una foglia sospinta dal vento della serenità, il distacco avverrà con naturalezza senza tuttavia impedirci di godere il dolce contatto sensoriale con l’universo circostante.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: