Oggi affrontiamo L’INDECISIONE

La lotta all’interno del cervello trova la sua risposta dal momento in cui si riesce a prenderne il controllo, quando si capisce che nella vita ci si può PERMETTERE di sbagliare, quando se ne va via quel senso di colpa e frustrazione che ci si pone dinanzi ad una scelta che si rivela sbagliata.
Concediti la possibilità di sbagliare cercando di vedere L’OCCASIONE DI CAPIRTI MEGLIO nell’errore e LA SODDISFAZIONE DI AVERCELA FATTA nella situazione giusta.

…insicurezza di fondo che fa cambiare in continuazione pensieri ed emozioni.

Per contrastrare questa alternanza di stati d’animo ed atteggiamenti è necessario che in ogni caso incominci a scegliere, anche se non si è convinti appieno della propria scelta ed una volta effettuata cerchiamo di portarla a termine.

Un utile aforisma per superare le indecisioni:
Quando sei davanti a due decisioni, lancia in aria una moneta. Non perchè farà la scelta giusta al posto tuo, ma perchè, nell’esatto momento in cui essa è in aria, saprai improvvisamente in cosa stai sperando di più. (Bob Marley)

***
http://www.squidoo.com/indecisione-in-amore

***
C’era una volta un asino, che passeggiando su un prato ad un certo punto si imbattè in due bei mucchi di fieno. Erano entrambi ugualmente invitanti e l’asino non sapeva decidersi. Passarono minuti, ore, giorni… fino a quando l’asino morì di fame.

Anche se non sei il povero asino di Buridano alle prese con i due mucchi di fieno, lo stesso problema si presenta comunque in maniera più sottile. L’indecisione cronica è un problema, ma la soluzione è dietro l’angolo: una scelta sbagliata spesso è comunque meglio di una decisione mai presa. Se è vero che sbagliando si impara, a non decidere c’è solo da perderci.

***
http://www.davidealgeri.com/non-saper-scegliere.html

***
L’indecisione può essere una risorsa

L’ indecisione non è un limite, ma è una risorsa della nostra personalità: spesso un dubbio in più prelude a soluzioni creative e originali.
L’ indecisione ci viene a trovare perché la mente è satura di pensieri contraddittori, giudizi e pregiudizi che gli impediscono di vedere lucidamente la realtà. Ecco perché il cervello, per poter decidere deve fare il vuoto, non il pieno di altri pensieri.

***
Soffri di indecisione? Ecco cosa fare

– Chiedi meno consigli: quanto più sei in preda dell’ indecisione, tanto più è sbagliato chiedere consigli. Saranno tutti diversi e nessuno riuscirà a prevalere. Ne uscirai ancora più confuso.

– Niente lamenti: uno dei modi per farci colmare di suggerimenti e consigli attirare è quello di lamentarsi. Perciò smetti di farlo e nel silenzio ascoltati di più.

– Rispetta il cervello: Considera l’ indecisione come una risorsa e vivila con più rispetto. Dì a te stesso: «Se sono indeciso è perché il mio cervello sa qualcosa che ancora non so».

– Non giudicarti: davanti ad una scelta non lasciarti prendere dalla tentazione di trarre conclusioni su te stesso. Evita per esempio frasi come “non valgo niente” o “sono sempre il solito dubbioso”.

– Aspetta con fiducia: non aver fretta di decidere, aspetta fino all’ultimo momento, le occasioni in serbo per te possono arrivare da un “luogo” che neppure contempli e possono essere più numerose di quanto pensi.

– Niente rimpianti: l’occasione, se persa, non era la tua: anche se continui a torturarti, non hai assolutamente la certezza che sarebbe stata l’occasione giusta.

***

L’indeciso è l’esempio classico di rinunciatario: non arriva a una decisione per paura di sbagliare, di conoscere la verità, di soffrire ecc. In ogni caso usa la sua indecisione per evitare un’analisi definitiva con cui arrivare a una deduzione. La persona eternamente indecisa vede spesso scorrere la propria vita perdendo continuamente l’opportunità di migliorarla: come l’asino di Buridano, muore nell’inazione.
Qual è l’errore che si cela dietro all’indecisione, fenomeno che in misura più o meno grande può colpire chiunque? Per prendere la miglior decisione possibile occorre avere tutte le informazioni sull’oggetto del decidere; perciò prima di macerarsi nell’indecisione occorre fare di tutto per assumere le informazioni che serviranno per decidere. Terminata questa prima fase si soppesano i lati positivi e i lati negativi: qui molto spesso c’è il blocco. L’indeciso non riesce a pesare i vari fattori o addirittura pretende che esista una strada che presenti solo fattori positivi.
Non decidere è peggio che decidere male

Dare la giusta importanza ai vari fattori in modo da concludere che A è meglio di B dipende spesso dalle capacità di giudicare il problema ed è un’arte che si apprende con il tempo; così una persona decisa sul lavoro può essere indecisa sentimentalmente o viceversa.
Un rimedio pratico – Per evitare di cadere nell’inerzia c’è comunque una regola molto semplice: se non si sa decidere vuol dire che le strade sono effettivamente equivalenti oppure che non si è in grado di scegliere. In entrambi i casi all’indeciso consiglio di sbloccare la situazione lanciando una moneta: non decidere è peggio che decidere male. Se si è deciso male si farà comunque esperienza che servirà la volta successiva per decidere meglio.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: