OGNI MINUTO E’ BUONO PER DISEGNARE IL CAPOLAVORO CHE TU GIA’ SEI


-

il vero peccato è non esperire tutte le sfumature della tua vita:
invece di usare solo e sempre gli stessi colori (come sei stato abituato da anni), devi iniziare a tingere la tua vita con più sfumature… esci dagli schemi, schizza oltre i bordi del foglio, scarabocchia quel che ti senti di fare, sporcati le mani, immergi il corpo intero nella tavolozza e fonditi con tutte le tonalità dell’esistenza…
dipingi con l’anima!

27.11.2014 | PROGETTO ZION – org. e territorio | BOLOGNA, R. Bruno – Deja vu e Social Innovation


-

-

LA PICCOLA ANIMA E IL SOLE


-

Neale Donald Walsch – La Piccola Anima e Il Sole

-

20.11.2014 | PROGETTO ZION – Liguria | GENOVA | Lavoro personale e Centro di Gravità sul territorio!


MARGHERITA PORETE


Nulla più la impaccia.
È liberata da ogni servizio,
poiché vive di libertà.
chi vuole, è mendico,
chi è mendico ha mancanza
di divino appagamento.
[…]
Fui un tempo rinchiusa       nel servaggio d’una prigione,
Quando il desiderio mi serrava       nella volontà d’affetto.
Là mi trovò la luce       dell’ardente amore divino,
Ed ecco uccise in me il desiderio,       la volontà e l’affetto,
Che m’impedivano di seguire       l’impresa del divino amore.
[…]
Ora la luce divina       mi ha liberata dalla prigione,
E per gentilezza m’ha unita       alla divina volontà d’Amore,
Questo dono nessuno conosce,
Finché serve ancora alla virtù,
O serve a sentimento di natura       con l’uso della ragione.
[…]
La verità dichiara al mio cuore
Che sono amata da uno solo,
E dice che senza ritorno
Egli mi ha dato il suo amore.
Questo dono uccide il mio pensiero
Con le delizie del suo amore,
Delizie che m’innalzano       e con l’unione mi trasformano

-

- l’ Anima «caduta dall’amore nel nulla» è «messa in possesso d’uno stato di libertà che le dà riposo da ogni cosa, con la sua eccellente nobiltà»

- Io mi riposo “tuttissima” in pace, sola e nulla e tutta nella cortesia della sola bontà di Dio, senza muovermi minimamente…  È la/il fine della mia opera, un sempre voler-niente… Quest’Anima non compie più opere – ossia: non si attiva, non agisce – né per Dio né per sé né per il suo prossimo (se vuole, le faccia Dio che le può fare e se Dio non vuole, a lei non importa)… Quest’Anima ha il suo vero nome dal niente in cui sta. E poiché è niente, non le importa niente né di sé né del prossimo e neanche di Dio

->  l’anima riposa e gode, Dio opera in lei, per lei, senza di lei, tanto meglio quanto più lei è assente.

-> il niente pensare (che coincide con il tutto pensare) indica la suprema attività dell’intelletto che ha dissolto tutti i contenuti

-> LAMPO o BUCO NERO?! -> quinto stato in cui l’Anima dimora dopo l’azione del Lontanovicino (sempre vicino e sempre lontano) che la rapisce, e che noi chiamiamo lampo, come un’aprirsi e un sùbito richiudersi

- Da allora cominciai a uscire dall’infanzia, e il mio spirito a divenire antico: da quando la mia volontà fu morta, e le mie opere finite, e finito il mio amore, che mi faceva baldanzosa. Infatti l’espandersi del divino amore, che si mostrò a me nella luce divina d’un lampo altissimo e penetrante, mi mostrò d’improvviso e sé e me. Ovvero, lui altissimo e io così in basso, che non potei più risollevarmene, né aiutarmi da me stessa; e là nacque il mio meglio.

- bisogna macinare se stessi, dissodandosi e frantumandosi, per fare più ampio il luogo nel quale Amore vorrà essere; e bisogna impacciarsi passando attraverso molti stati, per liberarsi da se stessi e giungere al proprio stato»
– L’anima annientata è questo: la possibilità che Dio venga a questo mondo, che passi dalla nostra parte,  il passaggio da cui passa per stare a questo mondo.
-> l’Anima affrancata non ha volontà di volere né di rifiutare, può soltanto volere la volontà di Dio, e di soffrire in pace le disposizioni divine… se n’è andato via da lei il volere, che la rendeva spesso, per sentimento d’amore, fiera e orgogliosa e minacciosa verso gli altri… Ora si vede da sé e conosce la Bontà divina, questi due vedere le tolgono volontà e desiderio e opere di bontà, e perciò è interamente in riposo, messa in possesso d’uno stato di libertà che le dà riposo da ogni cosa, con la sua eccellente nobiltà

- è morta la volontà che le dava desideri

-  L’anima annichilita può prendersi un definitivo congedo dall’esercizio delle virtù…
L’anima annientata non ha neanche più necessità di ricevere consolazioni e doni da Dio, avendo Dio in sé stessa
– La morte al peccato, la morte alla natura, la morte della volontà… ma anche della volontà di fare il bene, di migliorarsi, di giungere a Dio
( –> occorre dare alla natura ciò che chiede, perché il percorso proposto è di annientamento anche della volontà di perfezione, di miglioramento, di ascesa. Al contrario l‟anima deve tendere ad un annientamento della volontà: di fare, di sapere, di credere, di dovere)
–  Il libro è rivolto a chi DIMORA IN VOLONTA‟ E DESIDERIO al fine di aiutarlo a superare questa fase del percorso nella quale si perdono le Anime che cercano la perfezione proprio perché non riescono ad annientare la loro volontà e desiderio di perfezione che coltivano con opere
… Anime smarrite sono coloro che dediti alla vita dello spirito, (attivi o contemplativi) si “ perdono nelle opere

-> la Gioia dimora in lei; è gioia essa stessa, in virtù della Gioia, che l’ha trasformata in se stessa… uota nel mare della gioia, ovvero nel mare di delizie fluenti e scorrenti dalla Divinità

–> Avere tutto e niente = quest’Anima ha Dio per grazia divina, e chi ha Dio ha tutto; e tuttavia non ha niente di suo (personale, individuale), perché tutto ciò che quest’Anima ha in sé è in verità di Dio

-> Colui che arde non ha freddo, e colui che annega non ha sete. Ora, tale Anima arde talmente nella fornace del fuoco d’amore, che è divenuta propriamente fuoco, per cui non sente affatto il fuoco, poiché è fuoco in se stessa, per la virtù d’Amore che l’ha trasformata in fuoco d’amore

-> piuttosto è Amore a dimorare in lei, e ha imprigionato la sua volontà, e perciò è Amore a compiere in lei la volontà di lei, e dunque Amore opera in lei senza di lei, e quindi non c’è niente di spiacente che possa rimanere in lei.

-> L’anima, «rimanendo nulla nel proprio intelletto, scopre il proprio statuto ontologico assolutamente indipendente dai contenuti mentali… essa guarda il mondo con gli occhi di Dio

l’amore di tale Anima è così congiunto alle ricchezze che fluiscono dal più di quell’Amore ultra-divino… entrata nell’affluente abbondanza, viene saziata di nutrimento divino, adorna degli ornamenti dell’estrema pace nella quale vive, dura, ed è, fu e sarà…

l’Anima, nel sesto stato, è liberata da tutte le cose, pura e chiarificata, non bada più alla guerra della natura; infatti il suo volere è nudamente rimesso nel luogo dove fu preso (essa ebbe sempre guerra, fintantoché trattenne in sé il proprio volere, al di fuori del proprio essere)… ma la glorificazione è al settimo stato, e l’avremo nella gloria, e di questo nessuno sa parlare… è caduta dall’amore nel nulla… essa non può più risollevarsi da un tale abisso; e del resto non lo deve fare, anzi in esso deve dimorare… (Ora con la caduta nel nulla di quest’Anima, niente impedisce «all’essere divino di fluire attraverso quella definitiva e incolmabile lacuna d’essere che ora è lei. Non per colmarla: non sarebbe possibile, poiché l’amore e la libertà (la libera accettazione del fallimento del suo amore) hanno fatto di lei una assolutamente mancante, ed è questa specie di buco ontologico (che lei chiama «niente», «mancanza», «abisso») che infinitamente chiama e fa nascere essere e amore senza fine)…

nel quarto vede che da sé non può avere alcun profitto, se non si separa dal suo proprio volere… vede questa inclinazione e questa perdizione del niente della sua natura e del suo proprio volere, e vede anche, con la luce, che il Volere deve volere soltanto il divino volere, senz’altro volere, e che per questo tale volere le fu dato

–>  di Dio non si  può davvero dire nulla che non sia mentire più che dire il vero

Leggi il seguito di questo post »

VEDERE TUTTO LUMINOSO


Diario Anonimo:

Nel riposino prediurno (ore 11) i miei occhi hanno captato bagliori di luce che delinevano figure (emerse dalla memoria oppure dall’ambiente fisico?!). 

Sono rimasto in quel clima accogliente per molti minuti fino ad esprimere l’intento di mantenere quella chiara visione verso tutti i fenomeni.
A pranzo ne ho discusso con i miei, mi guardavano come fossi fuori di testa!:
l’idea che ogni cosa contenesse luce e fosse contenuta in un alone di luce era come se li spaventasse a morte; non erano nemmeno meravigliati, sconcertati o lievemente attratti dall’inconsueto messaggio. Ciò comunque non mi ha rattristato poiché ho imparato a prendere le misure di questo carcere e dei loro secondini, so che le ombre ottenebranti vengono proiettate ininterrottamente… non è un male, solo un’optional di questo immenso universo.
Poi ho sentito i suoni di sottofondo (i rumori finora inavvertiti), mi è venuto in mente il film Lucy o una poesia sui desideri che ci avvolgono distanzianziandoci (l’un l’altro e dal reale). Prima ero infastidito da certe percezioni, ora mi incuriosiscono (con spirito indagatorio, come se ad  ogni evento risuonasse in me il grosso “Perché?” che attanaglia la mente di ogni bambino, in quanto ogni bambino rappresenta il vero scienziato per eccellenza).
Tra i vari ragionamenti che ho fatto li per lì c’era il sospetto che “questo” cibo mondano facesse inceppare il funzionamento dei miei sensi; avevo l’impressione che ad ogni boccone ingerito rischiavo di assumere una dose letale di veleno;
comprendevo allora concetti antichi, come il vantaggio di astenersi dalle sostanze prodotte da questo mondo.
… Ora – alla luce di tutto ciò – Rimango equanime, serenamente indifferente ai giochi di luce-ombra di questa realtà e pronto ad assaporare i frutti che vorrà portarmi.

Forget what you know | Jacob Barnett | TEDxTeen


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 374 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: